#lablu

Stazione De Amicis

STAZIONE DE AMICIS: ATTIVITA’ NOTTURNE TRA MARTEDI 30 GIUGNO E MERCOLEDI 1 LUGLIO

Nella notte tra martedì 30 giugno e mercoledì 1 luglio, per consentire l’estrazione di alcuni macchinari dallo scavo della stazione De Amicis tramite un’autogru, si rende necessaria la temporanea chiusura del tratto di via De Amicis compreso tra via San Vincenzo e Corso Genova. L’intervento è previsto in seguito all’ultimo passaggio del bus 94 e terminerà entro l’inizio del servizio di trasporto pubblico. La circolazione rimarrà sempre garantita, nelle ore in cui è programmata l’attività di estrazione dei macchinari, chi dovrà raggiungere corso Genova da via De Amicis dovrà seguire il percorso: via San Vincenzo, via Buffoli, via San Calocero, corso Genova.

Ci scusiamo per il disagio.

ARRIVATE LE TALPE NELLE STAZIONI SANT’AMBROGIO E DE AMICIS 

La prima Tbm (Tunnel boring machine), dedicata alla realizzazione della galleria pari,  è arrivata all’interno della stazione Sant’Ambrogio, percorrendo i  560 metri di tunnel che la separa dalla stazione De Amicis da cui era partita, con una produzione media effettiva di circa 25 metri al giorno. La prima talpa ha così completato l’82% del suo percorso di scavo e sta ora proseguendo verso l’ultima tappa della tratta centrale: la stazione Parco Solari.

Nel frattempo, la seconda Tbm, impegnata nello scavo della galleria dispari e ripartita lo scorso 21 maggio dalla stazione Vetra, è giunta in corrispondenza della stazione De Amicis, percorrendo i  430 metri di galleria di questo tratto del tracciato con una produzione media di circa 23 metri al giorno.  Ora questa macchina si fermerà per consentire la consueta attività di ispezione e manutenzione per poi ripartire verso la stazione Sant’Ambrogio. 

 
Considerando entrambe le gallerie, ad oggi è stato realizzato il 77% dell’intera tratta centrale.
 
Le talpe impiegate per la realizzazione dei tunnel lavorano 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 (comprese le fasi di sosta per la manutenzione). Durante il loro passaggio possono essere percepiti in superficie rumori e vibrazioni. Ci scusiamo per il disagio.

RIPARTE ANCHE LO SCAVO DELLE GALLERIE DELLA TRATTA CENTRO

Dopo la riapertura dei cantieri per la costruzione delle stazioni M4, riparte anche lo scavo delle gallerie della tratta centrale.

Le due talpe riprendono il proprio percorso rispettivamente dal manufatto Vettabbia, verso la stazione Vetra, e dalla stazione De Amicis, verso la stazione S. Ambrogio.

La prima macchina a rimettersi in moto è quella impiegata nello scavo della galleria dispari, dal cantiere Vettabbia, e, una volta arrivata in piazza Vetra, partirà anche la seconda TBM, dalla stazione De Amicis.

Per tutte le squadre impiegate nello scavo delle gallerie sono messe in atto tutte le precauzioni anti contagio come da indicazioni del Governo riportate nei vari DPCM relativi alla diffusione del Covid-19.

Si ricorda che le macchine impiegate per la realizzazione dei tunnel lavorano 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 (comprese le fasi di sosta per la manutenzione). Durante il loro passaggio possono essere percepiti in superficie rumori e vibrazioni.

Ci scusiamo per il disagio.

LA PRIMA TALPA E’ ARRIVATA IN STAZIONE DE AMICIS

La prima Tbm (Tunnel boring machine), dedicata alla realizzazione della galleria pari, è arrivata nel cantiere della stazione De Amicis, percorrendo i 405 metri che lo separano dalla stazione Vetra con una produzione media di circa 25 metri al giorno. La talpa ha così raggiunto il 70% del suo percorso di scavo nella tratta centrale. Ora la macchina si fermerà per consentire la consueta attività di ispezione e manutenzione, per poi ripartire verso la stazione S. Ambrogio. Ad oggi, considerando entrambe le gallerie, è stato realizzato oltre il 60% dell’intera tratta centro.

Si ricorda che le macchine impiegate per la realizzazione dei tunnel lavorano 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 (comprese le fasi di sosta per la manutenzione). Durante il loro passaggio possono essere percepiti in superficie rumori e vibrazioni.

Ci scusiamo per il disagio.

STAZIONE DE AMICIS: ATTIVITÀ DI SCAPITOZZATURA

Per la costruzione della Stazione De Amicis, proseguono le attività di scapitozzatura.

La scapitozzatura consiste nella demolizione “della testa in calcestruzzo” del diaframma. Per quest’attività vengono utilizzati grossi martelli demolitori che possono generare vibrazioni e rumore.

Le lavorazioni si svolgono dal lunedì al sabato in orario diurno.

Ci scusiamo per il disagio.

PROSEGUE IL PERCORSO DELLA TBM VERSO LA STAZIONE DE AMICIS

Prosegue il percorso della Tbm (la “talpa”) impegnata nello scavo della galleria pari della tratta centro verso la stazione De Amicis.

Con il passaggio della talpa all’altezza di via dei Fabbri, a partire da lunedì 24 febbraio, per circa 10 giorni, sarà chiuso l’accesso alle macchine nella parte di strada a fondo cieco, in corrispondenza di via dei Fabbri  n°18, e saranno inibiti gli ingressi delle auto ai relativi passi carrai.

I residenti sono stati avvisati e saranno dotati di pass gratuiti per poter parcheggiare nella zona nel periodo interessato dai lavori.

Ricordiamo che le talpe sono autorizzate a lavorare 7 giorni su 7, 24 ore su 24, e possono produrre rumori e vibrazioni.

Ci scusiamo per il disagio.

STAZIONE DE AMICIS: ATTIVITA’ DI ESTRAZIONE PALANCOLE

A partire dalla giornata di domani, 21 gennaio, presso il cantiere per la costruzione della stazione De Amicis, si svolgeranno alcune lavorazioni che provocheranno rumore e vibrazioni. Sarà infatti nuovamente necessario utilizzare un vibroinfissore per rimuovere le palancole (lastre in acciaio) di contenimento di un diaframma. Il ricorso al vibroinfissore è dovuto all’impossibilità di rimuovere le lastre tramite il consueto strumento non vibrante applicato all’escavatrice. L’operazione potrebbe ripetersi anche nel corso dei prossimi giorni. Ci scusiamo per il disagio.

STAZIONE DE AMICIS: INIZIO ATTIVITÀ DI SCAPITOZZATURA

Per la costruzione della Stazione De Amicis, a partire da giovedì 2 gennaio per circa 10 giorni, si svolgeranno le attività di scapitozzatura e di realizzazione della cosiddetta trave di coronamento.

La scapitozzatura consiste nella demolizione “della testa in calcestruzzo” del diaframma. Per quest’attività vengono utilizzati grossi martelli demolitori che possono generare vibrazioni e rumore.

Eseguita questa lavorazione, la parte alta del diaframma verrà inglobata alla “trave di coronamento” (una trave che unisce tutti i diaframmi), formando il perimetro della stazione.

Le lavorazioni si svolgeranno dal lunedì al sabato in orario diurno.

Ci scusiamo per il disagio.

STAZIONE DE AMICIS: ATTIVITA’ DI ESTRAZIONE PALANCOLE

A partire dal pomeriggio di oggi, 16 dicembre, presso il cantiere per la costruzione della stazione De Amicis, si svolgeranno alcune lavorazioni che provocheranno rumore e vibrazioni. Sarà infatti nuovamente necessario utilizzare un vibroinfissore per rimuovere le palancole (lastre in acciaio) di contenimento di un diaframma. Il ricorso al vibroinfissore è dovuto all’impossibilità di rimuovere le lastre tramite il consueto strumento non vibrante applicato all’escavatrice. L’operazione potrebbe ripetersi anche nel corso dei prossimi giorni. Ci scusiamo per il disagio.

 

VIA DE AMICIS 28, 30 E VIA CAMINADELLA 7: TEMPORANEA INTERRUZIONE SERVIZIO IDRICO

Nel pomeriggio di oggi, durante le attività di cantiere della stazione De Amicis, è stata danneggiata una tubazione dell’acquedotto che ha reso necessaria la temporanea interruzione del servizio idrico presso le utenze di via De Amicis 28, 30 e via Caminadella 7. Sul posto sono intervenuti i tecnici che stanno lavorando alla riparazione del guasto. Ci scusiamo per il disagio.

26 E 27 OTTOBRE: LAVORAZIONI NEL FINE SETTIMANA

Il 26 e il 27 ottobre saranno svolte alcune lavorazioni nei seguenti cantieri: stazioni S. Ambrogio e De Amicis, manufatti San Vittore, San Calimero e Washington.

A eccezione della stazione De Amicis, per cui le attività di allestimento di alcuni impianti necessari alla realizzazione dei diaframmi si volgeranno in superficie, tutte le lavorazioni (es. fissaggio di mensole metalliche, taglio di travi in ferro ecc.) saranno svolte all’interno degli scavi, limitando la produzione di rumore.

Ci scusiamo per il disagio.

STAZIONE DE AMICIS. DA MARTEDI’ 22 OTTOBRE RIAPRE VIA SAN VINCENZO

Da martedì 22 ottobre cambia configurazione il cantiere di Stazione De Amicis. Il passaggio alla configurazione definitiva, che prevede lo spostamento della maggior parte delle attività sul lato dei numeri pari di via De Amicis, consentirà di liberare dal cantiere il lato opposto della strada con la riapertura alla viabilità di via San Vincenzo che potrà essere percorsa con senso unico da via De Amicis verso via Ariberto e via Cesare da Sesto. 

Come già annunciato, nel cantiere inizierà la realizzazione dei diaframmi mancanti per un periodo di circa 3 mesi.

I diaframmi sono pareti in cemento armato realizzate al di sotto del piano stradale, poste lungo le stazioni e i manufatti. Questa lavorazione produce rumore, generato dall’escavatore e dagli impianti utilizzati (pompe e motori), e vibrazioni, causate dall’azione della ganascia di acciaio che penetra nel terreno.

Per la realizzazione dei diaframmi il costruttore è autorizzato al lavoro su doppio turno, dalle ore 6 alle ore 14 e dalle 14 alle 22, dal lunedì al sabato. Durante queste attività saranno spostati materiali voluminosi, motivo per cui l’area di lavoro sarà presidiata da addetti di cantiere dedicati al coordinamento della circolazione dei pedoni, affinché tutto si svolga nella massima sicurezza. Ci scusiamo per il disagio.

 

 

VIA DE AMICIS: CAMBIO CONFIGURAZIONE CANTIERE E REALIZZAZIONE DIAFRAMMI

Da mercoledì 18 settembre il cantiere per la costruzione della stazione De Amicis cambierà configurazione per circa 1 mese. Si tratta di una fase intermedia, necessaria per consentire lo spostamento di alcuni sottoservizi (es. fognatura, cavi elettrici, cavi delle telecomunicazioni, acqua e gas), garantendo con continuità la viabilità. Il perimetro di cantiere sarà spostato di qualche metro, all’altezza del civico n°28; sarà quindi creato un passaggio pedonale alternativo attorno al cantiere, per raggiungere edifici ed esercizi commerciali. Al termine di questa fase, il cantiere passerà alla sua configurazione definitiva, con la viabilità sul lato sud di via De Amicis (civici dispari) e la riapertura di via San Vincenzo.

Contestualmente, per un periodo complessivo di circa 3 mesi, saranno realizzati i diaframmi mancanti sul lato dei civici pari di via De Amicis.

I diaframmi sono pareti in cemento armato realizzate al di sotto del piano stradale, poste lungo le stazioni e i manufatti. Questa lavorazione produce rumore, generato dall’escavatore e dagli impianti (pompe e motori) utilizzati; e vibrazioni, causate dall’azione della ganascia di acciaio, che penetra nel terreno.

Per la realizzazione dei diaframmi il costruttore è autorizzato al lavoro su doppio turno 6–14 e 14–22, dal lunedì al sabato. Durante queste attività saranno spostati materiali voluminosi, motivo per cui l’area di lavoro sarà presidiata da addetti di cantiere dedicati al coordinamento della circolazione dei pedoni, affinché tutto si svolga nella massima sicurezza.

Ci scusiamo per il disagio.

STAZIONE DE AMICIS: VENERDI 6 LUGLIO, INIZIO LAVORI ALLE ORE 5.00

Per consentire l’attività di posa delle palancole (lastre in acciaio) all’interno dei diaframmi del cantiere della stazione De Amicis, venerdì 6 luglio l’orario di inizio lavori è previsto per le ore 5.00.

L’inizio anticipato di quest’attività è stato deciso per arrecare il minor disagio possibile alla circolazione automobilistica e pedonale di via De Amicis, durante lo spostamento delle lastre infatti – per ragioni di sicurezza – si possono rendere necessarie delle brevi interruzioni della viabilità e dei passaggi pedonali circostanti.

*Il momento dell’estrazione delle palancole dal terreno può provocare vibrazioni percepibili nei dintorni del cantiere.

STAZIONE DE AMICIS: ATTIVITA’ DI REALIZZAZIONE DIAFRAMMI

A partire dalla prossima settimana, per un periodo complessivo di circa 6 mesi, si svolgeranno le attività di realizzazione dei diaframmi presso il cantiere  della stazione De Amicis.

I diaframmi sono pareti in cemento armato realizzate al di sotto del piano stradale, poste lungo il perimetro delle stazioni e dei manufatti, che sostengono e contengono il terreno.

Un escavatore realizzerà uno scavo a pianta rettangolare della profondità di diverse decine di metri, immettendo materiale argilloso (una miscela di acqua e bentonite) che consente un sostegno del terreno a breve termine. In seguito, verranno calate delle gabbie d’acciaio che costituiscono l’armatura del diaframma; gli scavi vengono poi riempiti di calcestruzzo. Lo strato superiore di calcestruzzo, sarà poi rimosso con appositi martelli demolitori (questa attività è detta “scapitozzatura”), per poter realizzare la trave di coronamento che serve a unire tutti i diaframmi.

Questa lavorazione potrà produrre rumore, generato dall’escavatore e dagli impianti (pompe e motori) che si utilizzano nell’attività; e vibrazioni, causate dall’azione della ganascia di acciaio, che penetra con forza e in profondità nel terreno. Per la realizzazione dei diaframmi il costruttore è autorizzato al lavoro su doppio turno 6.00 – 14.00 e 14.00 – 22.00, dal lunedì al sabato.

Si tratta di attività che prevedono lo spostamento di materiali voluminosi per cui, anche a maggior tutela delle persone, si possono rendere necessarie delle brevi interruzioni del passaggio pedonale e automobilistico. La zona interessata sarà presidiata da addetti di cantiere dedicati al coordinamento della circolazione dei pedoni, che regoleranno le interruzioni per effettuare le operazioni nella massima sicurezza e per arrecare il minor disagio possibile per chi dovrà transitare.

TRATTA CENTRO: LE NOVITA’ PER I CANTERI

Nel corso di un’assemblea pubblica svoltasi ieri sera, mercoledì 6 giugno, nei locali del Municipio 1, sono state illustrate dall’assessore Marco Granelli, dal presidente di M4 spa Fabio Terragni, dall’amministratore delegato di MetroBlu scrl Massimo Lodico e dall’assessore al Commercio Cristina Tajani le novità che interesseranno i cantieri della tratta Centro nei prossimi mesi e che possono essere visualizzate nel dettaglio in queste slide .

In sintesi, per il cantiere della Stazione S.Ambrogio è prevista dal 9 giugno a inizio settembre la chiusura al traffico del tratto di via San Vittore che porta alla Basilica S.Ambrogio e a via Lanzone, con le medesime modalità dell’estate 2017. Cambia anche la configurazione del cantiere di via San Vittore, nel tratto compreso tra via Carducci e via De Togni, dove tornerà ad essere consentito il passaggio pedonale esclusivamente sui marciapiedi laterali. Lungo via San Vittore verranno posizionati pannelli fonoassorbenti speciali che saranno trasparenti nella loro parte centrale, per consentire una miglior visibilità e diminuire l’impatto degli stessi.  

Infine, saranno posizionati 3 cantieri provvisori di dimensioni ridotte, nei pressi del Sagrato S.Vittore al Corpo, nelle aree in direzione Pusterla e Basilica, senza impatto sulla viabilità, per consentire uno scavo archeologico non profondo (2-3 metri) e successive iniezioni consolidanti. Tali cantieri provvisori sono definiti in coordinamento con la Soprintendenza, il Museo della scienza e della tecnologia e la Diocesi.

Per quanto riguarda il Manufatto De Amicis, da agosto e per circa 6 mesi, è prevista la realizzazione dei diaframmi; la stessa lavorazione è prevista in Stazione De Amicis (da fine giugno e per circa 6 mesi).

Da fine luglio, invece, riapre alla circolazione via Vettabbia (Manufatto Vettabbia), togliendo la parte di cantiere se lato sud di via Molino delle armi, restituendo alla città spazio su marciapiede e strada. Da via Vettabbia non sarà possibile svoltare in via Molino delle Armi (doppio senso di circolazione fino al civico 1). Sarà invece consentita la svolta da via Molino delle Armi in via Vettabbia. Via Santa Croce manterrà il doppio senso di circolazione.

Slide novità tratta Centro