#lablu

Manufatto Washington

26 E 27 OTTOBRE: LAVORAZIONI NEL FINE SETTIMANA

Il 26 e il 27 ottobre saranno svolte alcune lavorazioni nei seguenti cantieri: stazioni S. Ambrogio e De Amicis, manufatti San Vittore, San Calimero e Washington.

A eccezione della stazione De Amicis, per cui le attività di allestimento di alcuni impianti necessari alla realizzazione dei diaframmi si volgeranno in superficie, tutte le lavorazioni (es. fissaggio di mensole metalliche, taglio di travi in ferro ecc.) saranno svolte all’interno degli scavi, limitando la produzione di rumore.

Ci scusiamo per il disagio.

VIA DEI GRIMANI: 17-18 SETTEMBRE ATTIVITA’ DI SMONTAGGIO GRU

Per consentire le attività di smontaggio della gru utilizzata per la posa degli elementi prefabbricati nel cantiere del manufatto Washington, il 17 e il 18 settembre la viabilità su via dei Grimani sarà temporaneamente interrotta nella parte compresa tra il civico n°2 e l’incrocio con via Washington.

La via rimarrà accessibile da piazzale Giovanni De Agostini e il passaggio pedonale sarà sempre garantito.

Al termine dei lavori di smontaggio la viabilità sarà ripristinata e il cantiere tornerà nella sua consueta configurazione.

Ci scusiamo per il disagio.

VIA DEI GRIMANI: 2-10 SETTEMBRE PROVVISORIA MODIFICA AL PERIMETRO DI CANTIERE

Per consentire la posa di elementi prefabbricati nel cantiere del manufatto Washington,  dal 2 al 10 settembre  il perimetro del cantiere all’incrocio con via dei Grimani sarà leggermente ampliato.

La gru sarà quindi spostata nell’area di cantiere interessata da quest’intervento.

La viabilità su via dei Grimani sarà sempre garantita. Sarà invece temporaneamente sospesa la sosta dei veicoli e verrà interrotto il passaggio pedonale presente a ridosso del Bingo.

Al termine dei lavori di copertura sarà ripristinata la consueta configurazione del cantiere.

Ci scusiamo per il disagio.

PROVVISORIO DIVIETO DI SOSTA IN UN TRATTO DI VIA FOPPA E VIA TREZZO D’ADDA

Per consentire le soste dei mezzi adibiti allo smaltimento della terra di scavo, da lunedì 1 ottobre 2018 e per tutto il mese, saranno temporaneamente interdetti parcheggi auto/moto in via Foppa (all’altezza del civico 49) e in via Trezzo d’Adda (in prossimità del civico 16).

Il divieto sarà valido dalle ore 7 alle ore 18 per consentire il parcheggio nelle ore serali.

VIA WASHINGTON: RIAPERTURA DEL TRATTO CHE PORTA IN VIA FOPPA VERSO VIA TREZZO D’ADDA/STENDHAL

Lunedì 18 giugno, presso il cantiere del manufatto Washington, riapre (a senso unico) il tratto di via Washington che porta in via Foppa in direzione via Trezzo D’Adda/Stendhal.

È la terza e ultima riapertura che permette il ritorno a una parziale circolazione automobilistica su via Foppa. Grazie a una particolare tecnica costruttiva, nel corso dell’ultimo mese,  è stato possibile restringere le aree dei cantieri delle stazioni Foppa, Washington-Bolivar e del manufatto Washington, consentendo di far tornare la circolazione su quest’importante asse viabilistico.

MANUFATTO WASHINGTON: DAL 28 MAGGIO ATTIVITA’ DI RICERCA DEI POZZI DISMESSI

Da lunedì 28 maggio nell’area interessata dal cantiere del manufatto Washington, compresa tra via Foppa e l’incrocio con via Stendhal, saranno svolte le attività di ricerca e, in caso di ritrovamento, di rimozione dei vecchi pozzi d’acqua dismessi nel sottosuolo.

La ricerca, realizzata con georadar e piccoli scavi, è necessaria perché la presenza dei pozzi interferirebbe con il passaggio delle “talpe” (con il rischio di provocare ritardo nei lavori). L’indagine avrà complessivamente una durata di circa un mese e interesserà alternativamente entrambi i lati di via Foppa, senza interrompere la continuità dei percorsi pedonali o la viabilità su strada.

L’eventuale estrazione, invece, può essere stimata nella durata di circa 20-30 giorni a pozzo e l’area di cantiere verrà contenuta allo spazio indispensabile.

Le stesse attività sono già state effettuate in altri punti del tracciato della M4.

M4. INIZIATA LA VESTIZIONE DEI CANTIERI CON LE INFORMAZIONI ISTITUZIONALI E COMMERCIALI

Oltre 500mq di rivestimenti vengono montati da questa mattina sulle cesate del cantiere Manufatto Washington della M4, la nuova metropolitana di Milano.

E’ iniziata, infatti, l’opera di “vestizione” con le informazioni istituzionali e commerciali, ossia nome e localizzazione dei negozi che si trovano nelle immediate vicinanze del cantiere.

Si tratta del primo cantiere in cui è possibile vedere i nuovi cartelli, la cui definizione è frutto di un percorso condiviso con Municipi, comitati e commercianti. Dopo la pausa estiva, ossia dai primi giorni di settembre, inizierà la “vestizione” degli altri cantieri, a cominciare proprio da quelli in cui è maggiore la presenza di esercizi commerciali. Tra settembre e ottobre la maggior parte dei cantieri della M4 quindi cambierà aspetto, non solo per il completamento di questa iniziativa ma grazie anche alla realizzazione dei 36 progetti di vestizione artistica frutto della call pubblica ed esposti alla Triennale nelle scorse settimane.

“In questo modo – ha detto l’assessore alla Mobilità Marco Granelli – diamo risposta ad una doppia esigenza: maggior decoro e informazione capillare. Vestire le cesate dei cantieri con i pannelli informativi, sulla linea e sulle attività presenti nel quartiere, e con i pannelli artistici realizzati dai cittadini è un esempio unico in Italia di comunicazione utile e partecipata. Vogliamo che sempre di più tutti i cantieri raccontino ai cittadini il cambiamento, aiutandoli ad accettare il disagio. Insieme abbiamo anche completato la posa di 17 segnali stradali di indirizzamento nell’area Foppa-Lorenteggio per identificare i percorsi stradali utili a raggiungere le aree commerciali penalizzati dalla presenza del cantiere”.  

“L’avvio delle operazioni di vestizione dei cantieri rappresenta un’occasione di visibilità e di supporto ai tanti negozi di vicinato coinvolti nei cantieri M4. Le Indicazioni presenti consentiranno una facile e intuitiva individuazione delle attività commerciali sia da parte dei residenti che dai fruitori delle singole zone” cosi l’Assessore alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive e Commercio Cristina Tajani che prosegue: ”Nei prossimi mesi stiamo pensando all’individuazione di ulteriori fondi che consentano di realizzare nuovi bandi a sostegno dai singoli operatori commerciali”.

“Finalmente stiamo dando il via al primo atto di un complesso progetto di comunicazione, teso a rendere i cantieri compatibili con le esigenze della città – prosegue Fabio Terragni, Presidente M4 spa -. A settembre toccherà ai progetti proposti dai cittadini: installazioni ed eventi. E seguiranno altre iniziative. Tutte tese a fare dialogare 52 cantieri urbani e il grande progetto di M4 con le aspettative della città”.

La vestizione “informativa”, voluta da Comune di Milano e M4 spa e coordinata da MM Comunicazione, nasce dalla necessità di trasformare il cantiere in un’occasione di pubblico interesse, ponendolo al centro di un progetto più esteso di comunicazione territoriale, utilizzandone le cesate come uno strumento di informazione sulle lavorazioni in corso.

Ai pannelli dedicati al logo M4 si affiancano quelli dedicati alla rappresentazione della linea, al nome della singola stazione, alle informazioni di quello specifico cantiere, fino alle indicazioni per contattare M4. La cartellonistica informativa per le attività commerciali comprende una rappresentazione dell’insieme degli esercizi presenti nell’area, gli elenchi degli stessi e particolari indirizzamenti per singola via.

 

TRATTA OVEST: INIZIO REALIZZAZIONE DIAFRAMMI IN WASHINGTON E TOLSTOJ

Questa settimana iniziano le attività di realizzazione dei diaframmi nei cantieri del manufatto Washington e della stazione Tolstoj, per una durata complessiva di circa quattro mesi.

I diaframmi sono pareti in cemento armato realizzate al di sotto del piano stradale, poste lungo il perimetro delle stazioni e dei manufatti.

Un escavatore realizza uno scavo a pianta rettangolare della profondità di diverse decine di metri, immettendo materiale argilloso (una miscela di acqua e bentonite) in grado di sostenere la pressione esercitata dal terreno. In seguito, vengono calate delle gabbie d’acciaio, riempite di calcestruzzo, che costituiscono l’armatura del diaframma. Lo strato superiore di calcestruzzo, viene poi rimosso con appositi martelli demolitori (questa attività è detta “scapitozzatura”), per poter realizzare la trave di coronamento che unirà tutti i diaframmi.

Si tratta di una lavorazione che produce rumore e vibrazioni a causa dell’escavatore, degli impianti (pompe e motori), degli attriti che si generano nell’attività e per l’azione della ganascia di acciaio che penetra in profondità nel terreno.

La realizzazione dei diaframmi prevede lo spostamento di materiali voluminosi per cui, anche a maggior tutela delle persone e dei mezzi che transitano nelle vicinanze, si possono rendere necessarie  delle brevi interruzioni del traffico e del passaggio pedonale. Le zone interessate, in caso di necessità,  sono presidiate da addetti di cantiere e dalla Polizia Locale che regolano il traffico, il passaggio dei veicoli, delle persone e del mezzo pubblico, per effettuare le operazioni nella massima sicurezza e per arrecare il minor disagio possibile.

Il costruttore è autorizzato al lavoro su doppio turno 6.00 – 14.00 e 14.00 – 22.00, dal lunedì al sabato. 

MANUFATTO WASHINGTON: NUOVE FASI DI LAVORO E CAMBI DI VIABILITA’

Da lunedì 10 aprile inizia la seconda fase dei lavori nel cantiere del manufatto Washington. Per questa ragione, per circa 12 mesi, via Foppa viene chiusa al traffico nel tratto compreso tra via Washington e via Trezzo d’Adda, contestualmente, via Sirte diventa a senso unico in direzione via Washington, mentre rimane sempre garantito il passaggio pedonale.

Dopo la verifica sulla eventuale presenza di ordigni bellici (la cosiddetta BOB) – potrà iniziare l’attività di realizzazione dei diaframmi. Questa lavorazione può produrre rumore generato dall’escavatore e dagli impianti (pompe e motori), e vibrazioni causate dall’azione della ganascia di acciaio che penetra in profondità nel terreno, e dall’estrazione delle palancole (lastre in acciaio che contengono il calcestruzzo a sostegno del terreno appena scavato).

Queste attività prevedono lo spostamento di materiali voluminosi, per cui la zona potrà essere presidiata da addetti di cantiere che eventualmente regoleranno il passaggio delle persone per effettuare le operazioni nella massima sicurezza e per arrecare il minor disagio possibile a chi dovrà transitare.

Scarica i volantini informativi distribuiti nella zona interessata dai lavori

Volantino via Foppa

Brochure diaframmi

Venerdì 3 marzo chiusura al traffico di via Foppa all’incrocio con via California

Nei prossimi giorni, i cantieri per la realizzazione della nuova metropolitana M4 localizzati su via Foppa entreranno nella seconda fase delle lavorazioni e, di conseguenza, cambieranno la propria configurazione con alcune modifiche alla viabilità e al servizio di trasporto pubblico. Ecco, nel dettaglio, le novità oggetto anche di una campagna informativa sul territorio.

Per il cantiere della stazione Foppa, dopo la verifica sulla eventuale presenza di antichi ordigni bellici, si procederà dalla realizzazione dei cosiddetti diaframmi (durata prevista 4 mesi), le pareti in cemento armato poste lungo il perimetro delle stazioni e dei manufatti. Si tratta di una lavorazione che potrà produrre rumore, generato dall’escavatore, dagli impianti (pompe e motori), dagli attriti che si generano nell’attività, e vibrazioni, causate dall’azione della ganascia di acciaio che penetra in profondità nel terreno.  

Durante questa fase la zona interessata sarà presidiata da addetti di cantiere che regoleranno il passaggio delle persone per effettuare le operazioni nella massima sicurezza.

Da un punto di vista viabilistico, a partire da domani, venerdì 3 marzo (salvo avverse condizioni meteo) e per circa 12 mesi, è prevista la chiusura al traffico di via Foppa in corrispondenza dell’incrocio con via California e via Lanino, garantendo sempre la percorrenza pedonale. Su via California viene mantenuta una corsia di circolazione in direzione via Bergognone – via Solari.

Anche per il cantiere del Manufatto Washington si apre la seconda fase dei lavori con la realizzazione dei diaframmi. Dai primi giorni di Aprile, e per circa 12 mesi, via Foppa sarà chiusa al traffico tra l’incrocio con via Washington e via Trezzo d’Adda, mentre sarà sempre garantito il passaggio pedonale.

Tra le altre modifiche alla viabilità nella zona, segnaliamo quelle che interessano il trasporto pubblico e che entreranno in vigore nel corso del mese di marzo: per la linea bus 58 (direzione Baggio-via Noale) è previsto il passaggio da via Cascina Corba anziché via dei Giacinti e la realizzazione di una nuova fermata prima di via dei Mughetti.

Per quanto riguarda le linee bus 50 e 64, è previsto lo spostamento di due fermate da via dei Gaggioli a via Lorenteggio. In direzione Lorenteggio la fermata di via dei Gaggioli di fronte al civico 4 viene avanzata in via Lorenteggio di fronte al civico 178. In direzione Cairoli M1/Bonola M1 la fermata di via dei Gaggioli all’altezza del civico 4 viene arretrata in via Lorenteggio all’altezza del civico 181, ripristinando la fermata preesistente.

Infine, per quanto concerne la linea bus 68, è previsto il ripristino del percorso originario nel tratto tra piazza Vesuvio e via Foppa: il bus tornerà quindi su via California, le fermate saranno quelle originarie con eccezione di quelle situate in prossimità dell’intersezione con via Foppa che saranno realizzate in corrispondenza dei civici 24/a e 19 di via California.

Di seguito il pieghevole informativo scaricabile in pdf   Volantino via Foppa

Via Foppa, lunedì 19 dicembre: lavorazioni sulla rete idrica

Lunedì 19 dicembre sono programmate alcune lavorazioni per la risoluzione di interferenze con l’acquedotto e il successivo riallaccio alla rete idrica, nell’ambito delle attività di realizzazione del manufatto Washington. Per questa ragione la fornitura d’acqua, nella parte di via Foppa compresa tra il civico 50 e via Washington, sarà sospesa nella fascia oraria compresa tra le 9.00 e le 16.00.

Online la presentazione delle prossime fasi dei cantieri tra Solari e Washington-Bolivar

È online la presentazione dei cantieri M4 compresi tra il parco Solari e la futura Stazione Washington-Bolivar mostrata durante l’incontro dedicato ai residenti, amministratori/proprietà e commercianti della zona di lunedì 17 ottobre 2016 presso il Salone Ghidoli della Parrocchia San Francesco D’Assisi al Fopponino in via Paolo Giovio, 41.


All’appuntamento hanno partecipato gli assessori, Marco Granelli e Cristina Tajani, Fabio Terragni Presidente di M4 Spa, i tecnici di MM Spa, del Comune di Milano e la Polizia Locale. Nell’ambito dell’incontro sono state illustrate le prossime fasi dei cantieri, i cambi di viabilità e dei percorsi di alcune linee di trasporto pubblico.

L’occasione è stata utile anche per recepire le richieste e le esigenze di chi vive e lavora nella zona interessata dai lavori, lo sforzo di tutti gli operatori coinvolti nella realizzazione dell’opera è finalizzato a ridurre il più possibile i disagi.

La presentazione è scaricabile in pdf qui sotto

17 10 16 Presentazione Incontro Solari Washington Bolivar

Manufatto Washington: posa di divieti di sosta in via Sirte

Nella giornata di venerdì 15 luglio sono stati collocati cartelli di divieto di sosta in via Sirte (tratto compreso tra via Washington e v.le Misurata). L’intervento si è reso necessario poiché in quel tratto a partire da martedì 19 luglio prenderanno avvio le attività di realizzazione di una nuova polifora Telecom.

Programma lavori tra Natale e Capodanno

Nei giorni 28, 29 e 30 dicembre il calendario lavori prevede l’interruzione di alcune attività nei cantieri M4. Lungo la tratta Ovest verranno sospese le lavorazioni all’interno dei cantieri di Gelsomini, Tolstoj, Foppa, Bolivar-Washington e Solari.